eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 19 novembre 2019


Codipra fa dialogare agricoltura e meteorologia

L’agricoltore si trova a dover convivere con gli eventi meteo avversi da sempre. Per sopravvivere all’evoluzione climatica in corso serve innovazione a 360 gradi. 
Questa l’estrema sintesi dell’evento “L’agricoltura cosa chiede ai meteorologi” tenutosi al teatro Zandonai di Rovereto ed organizzato all’interno del festival Meteorologia da Codipra (Condifesa Trento) in collaborazione con Condifesa di Bolzano e Condifesa di Verona. 

Ad aprire i lavori dell’incontro si sono susseguiti sul palco i presidenti dei consorzi di difesa Giorgio Gaiardelli, Stefan Klotzner e Luca Faccioni (rispettivamente, Trento, Bolzano e Verona) tutti concordi nel sottolineare l’importanza della meteorologia per gli agricoltori e di quanto essi siano attenti ai cambiamenti climatici in corso, in quanto li vivono sulla loro pelle.
 Anche Fabrizio Lorenz, presidente Itas (la compagnia assicuratrice è main sponsor dell’evento) ha voluto evidenziare la vicinanza di Itas al mondo agricolo, sottolineando come “nel nostro territorio vi sia una mole di dati importanti da dover essere gestiti e, in questo contesto, la meteorologia può dare una grossa mano studiandoli al fine di anticipare le situazioni di questo nuovo mondo soggetto al cambiamento climatico”. 



La mattinata è proseguita con tre relazioni dal mondo della ricerca e del trasferimento tecnologico. In particolare, Dino Zardi, ideatore e coordinatore del festival Meteorologia, è intervenuto evidenziando l’importanza della collaborazione tra i diversi enti presenti sul territorio provinciale e le diverse realtà produttive, il tutto per rendere sempre più efficiente la filiera primaria.

Stefano Corradini, fondazione Edmund Mach ha voluto sottolineare l’importanza di “non parlare solo di agricoltura o di meteorologia, ma è necessario parlare di agrometeorologia. Una scienza che combina le conoscenze di tipo meteorologico, climatologico, agronomico, informatico e modellistico”. Corradini – ha evidenziato che “l’agricoltura, il consumatore e il cittadino vogliono tutti la tutela dell’ambiente e per questo serve informazione e formazione”.

Le potenzialità e le peculiarità dell’intelligenza artificiale applicate al mondo agricolo e alla meteorologia sono state presentate da Cesare Furlanello, fondazione Bruno Kessler, il quale ha evidenziato gli enormi passi in avanti che possono essere fatti grazie allo studio dei dati.

Dopo gli interventi tecnici si sono susseguite due tavole rotonde per discutere e confrontarsi sul ruolo che il meteo deve avere in campo agricolo. “Due momenti di contaminazione – ha spiegato Andrea Berti, direttore di Codipra  – che hanno visto la partecipazione di tecnici e politici e che hanno permesso di capire l’importanza di confrontarsi con le diverse realtà provinciali, regionali e nazionali su di un tema molto delicato come quello dei cambiamenti climatici per agire in sinergia”. 

Herbert Dorfman (europarlamentare), tra i relatori della tavola rotonda “politica”, ha portato il punto di vista della comunità europea focalizzando l’attenzione sull’European Green Deal, le regole per diventare il primo continente a impatto climatico zero, dove l’agricoltura deve contribuire. 



Sul tema europeo è intervenuto Albano Agabiti, presidente Asnacodi, evidenziando come il nuovo piano di gestione dei rischi in preparazione sia pensato anche in vista della declinazione della Politica agricola comune futura, che dovrebbe prendere il via nel 2020, confermando l’importanza e la massima attenzione che il sistema Condifesa pone verso il nostro territorio provinciale.

Romano Masè, responsabile del dipartimento agricoltura, foreste e difesa del suolo della provincia autonoma di Trento, sollecitato da una domanda dal pubblico, ha spiegato che “nelle prossime settimane sarà sottoscritta una convenzione con Codipra per impiegare i dati contenuti nel fascicolo aziendale al fine di velocizzare ed efficientare le operazioni assicurative. Quindi – ha continuato Masè – il fascicolo non sarà un solo strumento di controllo ma avrà un’importanza strategica di gestione. Un primo passo per creare una piattaforma informatica della provincia, ma condivisa con tutti gli attori della filiera agricola” – ha concluso il dirigente provinciale.

Le conclusioni della mattinata sono state affidate a Giulia Zanotelli, assessore all’agricoltura, foreste, caccia e pesca della provincia di Trento. “I cambiamenti climatici e le loro conseguenze sono ormai sotto gli occhi di tutti – ha spiegato l’assessore – e come giunta e assessorato stiamo lavorando per cercare di mitigarne i danni, su tutti possiamo riportare l’esempio delle specie aliene presenti nel nostro territorio e mi riferisco alla cimice asiatica, alla Drosophila suzukii, ma non solo anche la flavescenza dorata deve essere presa di petto – ha sottolineato Zanotelli. Un ruolo fondamentale al fine di permettere di guardare lontano alla nostra provincia – ha continuato l’assessore – viene rivestito dai giovani e per questo abbiamo istituito un tavolo verde agri-young, dove i giovani possono esprimere le loro esigenze e contribuendo attivamente, per la prima volta, alla stesura di una delibera di giunta”.

Fonte: Codipra


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: