eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 25 ottobre 2019


Cimice asiatica, se gli agricoltori accusano il biologico

La proliferazione del biologico favorisce la diffusione della cimice asiatica: è questa, in sostanza, la tesi emersa alla riunione di frutticoltori che si è recentemente svolta a Ravina (Trento) dove - come riporta una testata locale - sono stati chiesti interventi urgenti di carattere finanziario e “tecnico” per fronteggiare i danni causati dalla cimice asiatica a mele, uva e agli altri prodotti agricoli del territorio.

Per fermare la cimice asiatica, hanno sostenuto alcuni produttori, dovrebbe essere reso obbligatorio un trattamento contemporaneo per singoli distretti: “A favorire l'espansione della cimice asiatica - il j’accuse - è la presenza diffusa, qui a sud di Trento, di aziende biologiche che non eseguono trattamenti chimici”.

Tesi contrastata da alcuni dei presenti alla riunione, tra cui Joseph Espen, titolare di uno dei più estesi frutteti biologici del distretto di Ravina, Romagnano e Aldeno, il quale ha definito prive di fondamento scientifico le affermazioni. Al pari di Fabrizio Priva, Ad del Ccpb che, raggiunto da Italiafruit News, evidenzia come “il fenomeno sia largamente diffuso anche dove ci sono aziende convenzionali: produttori di mele e pere che utilizzano fitosanitari e non lesinano trattamenti di vario tipo denunciano danni tra il 60 e il 70% dei frutti, mele o pere che siano. Questo perché non ci sono interventi chimici risolutivi: le uniche risposte sono le reti e gli insetti utili”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: