eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 8 ottobre 2019


Agrumi extra Ue, boom di irregolarità

Si moltiplicano i ritrovamenti di agrumi “irregolari” provenienti da mercati extracomunitari e in particolare dal Sudafrica: l’Associazione Valenciana degli Agricoltori (Ava-Asaja) denuncia il ritrovamento nei porti europei di sei spedizioni infestate da parassiti e patologie varie nel solo mese di settembre. Secondo i dati ufficiali della Commissione europea, pubblicati su Europhyt, sono arrivate a 17 i “lotti” sudafricani non conformi dal mese di luglio, e il Paese ha ancora diversi mesi prima di chiudere la stagione e quindi le esportazioni nel Vecchio Continente.

Cinque delle sei “partite” irregolari dello scorso mese risultano contaminate con Thaumatotibia leucotreta o “falena falena”, l’altra con Cbs (o macchia nera degli agrumi). In totale, sono ora dodici i rilevamenti di “falena falena” (cui se ne aggiungono due dallo Zimbabwe), cinque quelli di macchia nera. Preoccupano anche i Paesi del Mercosur: gli ispettori doganali hanno riscontrato tre spedizioni di agrumi uruguaiani con la presenza di macchia nera e una contaminata dal cancro batterico degli agrumi.

Il presidente di Ava-Asaja, Cristóbal Aguado, ha ribadito come l’agrumicoltura europea corra un rischio molto grave “tenendo conto che i nostri produttori, in caso di contaminazione, non disporrebbero di materiali attivi efficaci per combattere parassiti e malattie che causerebbero perdite milionarie al settore”. Aguado parla senza mezzi termini di “silenzio e complicità da parte di Bruxelles che non pretende dai Paesi terzi una benché minima forma di sicurezza sanitaria: stiamo giocando con il fuoco”. E in Italia Elena Albertini, vicepresidente del consorzio di tutela dell’arancia rossa di Sicilia Igp rilancia l’ideale Sos parlando di “grave rischio per l’agrumicoltura europea”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: