eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 9 gennaio 2020


Cia: «Cambiamo il clima a partire dall'agricoltura»

La lotta ai cambiamenti climatici passa per un’agricoltura innovativa. Solo un approccio consapevole degli stravolgimenti in atto sul clima e delle opportunità offerte da scienza e tecnologia per fronteggiarli, può aiutarci a salvare il pianeta

Nella giornata del ritorno in piazza per il Fridays for Future dello scorso venerdì 27 settembre, Cia-Agricoltori Italiani, rinnova il suo sostegno alla mobilitazione dei giovani e fa appello al governo perché si avvii un confronto costruttivo sul tema.

Per Cia è necessario, infatti, un impegno fattivo a livello istituzionale per dare risposte concrete nel breve e lungo termine, non solo ai ragazzi, ma a tutti i cittadini, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Agenda Onu per il 2030. 
Cia è pronta ad incontrare il governo per lavorare insieme nella stessa direzione, partendo dal riconoscimento del ruolo svolto dall’agricoltura.

Il settore agricolo è quello che, più di tutti, subisce gli effetti dei cambiamenti climatici, ma è anche il più impegnato nel contrastarli, investendo su tecniche sostenibili e modello di produzione biologica. Il riscaldamento globale e l’incremento dei fenomeni meteorologici estremi provocano dissesto idrogeologico, siccità, variazioni degli agro-ecosistemi, diffusione di nuovi insetti dannosi, incontrollata cementificazione dei terreni più fertili, inquinamento e perdita di sostanza organica del suolo. 

Eppure, è proprio la buona agricoltura quella che mitiga l’effetto serra, produce energie rinnovabili e ha un ruolo primario nell’assorbimento di anidride carbonica.

Inoltre, precisa Cia, non è certo aumentando le tasse che si risolvono i problemi ambientali. Lo stop agli sgravi fiscali sul carburante agricolo, per esempio, provocherebbe solo effetti negativi, dall’impoverimento all’abbandono dei campi. Agli agricoltori che sono i primi a tutelare l’ambiente e a presidiare il territorio, vanno, invece, assicurate congrue agevolazioni.

Fonte: Ufficio stampa Cia-Agricoltori Italiani


Altri articoli che potrebbero interessarti: