eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 10 settembre 2019


La svolta «vegetale» di Coca Cola

Dalla Coca Cola alle bevande vegetali. Il colosso a stelle e strisce investe trenta milioni di euro nello stabilimento di Nogara (Verona), il più grande d’Europa, per ampliare la gamma e venire così incontro ai nuovi orientamenti “dirigenziali” oltre che alle richieste dei consumatori di oggi. Sabato scorso Zoran Bogdanovic, Ceo di Coca-Cola Hbc ha fatto visita al sito produttivo aperto nel 1975 che oggi, con i suoi 136mila metri quadrati è il più grande gestito dal gruppo nel Continente per inaugurare la nuova linea di produzione asettica, destinata cioè all'imbottigliamento di tè freddi, bevande vegetali e isotoniche. 

E’ la seconda di questo tipo presente nello stabilimento, la più innovativa tra quelle installate in Europa, caratterizzata da una tecnologia che riduce al minimo il consumo di acqua. Dei 220 milioni che la multinazionale ha investito nell'ultimo decennio in Italia - come ha scritto il quotidiano L'Arena - 100 sono stati destinati a Verona mentre gli altri sono stati distribuiti nei restanti tre siti produttivi di L'Aquila, Cosenza e Potenza. “Il nostro cambiamento è legato a una strategia di 24/7 Total Beverage Partner, con l'obiettivo cioè di diventare un'azienda in grado di offrire ai consumatori prodotti adatti ad ogni momento della giornata”, ha aggiunto Bogdanovic, affiancato per l’occasione dall’Ad di Coca-Cola Hbc Italia Vitaliy Novikov e da Alex Zigliara, direttore generale di Coca-Cola Italia.

Oggi, grazie alle 10 linee produttive, due delle quali destinate appunto a bevande non gassate, vengono prodotti a Nogara 700 milioni di litri di soft drink e un miliardo di confezioni tra bottiglie, lattine e fusti in 21 formati per nove brand diversi, corrispondenti ad altrettante tipologie di bevande. Il 7% dei prodotto va oltre confine, in altri Paesi europei. Ma l'obiettivo del Gruppo è aumentare la quota dell'export, anche grazie alla nuova linea inaugurata sabato.



Il legame tra Coca Cola e il mondo dell’ortofrutta aveva subito un’accelerata nei mesi scorsi, con la presentazione al Tuttofood di Milano di maggio (foto sopra) della Fanta aranciata rossa Zero Zuccheri Aggiunti con “Succo di Arancia Rossa di Sicilia Igp”, contenente succo di arance rosse 100%, controllate dal Consorzio di Tutela. Il Distretto agrumi siciliani ha avviato già nel 2014 una collaborazione con Coca-Cola su diversi progetti per la crescita della filiera agrumicola siciliana.

Copyright 2019 Italiafruit News
Nella foto di apertura l'inaugurazione della nuova linea produttiva dello stabilimento di Nogara


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: