eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 5 luglio 2019


Mercato di Pescara, mancano all'appello ortaggi e cocomeri

Mancano all’appello ortaggi locali, meloni e angurie. E al Mercato ortofrutticolo di Pescara l’inizio dell’estate è più “vivace” rispetto all'analogo periodo del 2018. “Se la disponibilità di pesche, nettarine e drupacee in generale è ampia - spiega il grossista pescarese Vincenzo Palestini (nella foto), coordinatore nazionale del Gruppo giovani di Fedagro - non si può dire lo stesso per meloni e angurie: ce ne sono pochi, la qualità non è granché e i prezzi sono mediamente sostenuti, soprattutto per il prodotto buono. I migliori cocomeri di Sicilia e del Mantovano spuntano tra 1,20 e 1,50 euro il chilo; le referenze provenienti da Grecia e Tunisia si attestano tra i 65 e i 75 centesimi. Per quanto riguarda i meloni, le pezzature piccole viaggiano sopra l’euro mentre per la merce di maggior dimensione si superano i 2,30 euro. Ma in questa settimana la disponibilità di grossi calibri è veramente ridotta al lumicino: la nostra azienda tratta il melone mantovano, la cui pezzatura è ampiamente sotto media”. 



Offerta contenuta anche per gli ortaggi, “sia per quelli locali, in primis zucchine e melanzane - aggiunge Palestini - sia per quelli della zona di Fondi da cui i grossisti pescaresi si riforniscono con frequenza: gli eventi climatici straordinari di primavera e in particolare di maggio hanno fortemente condizionato il mercato e ora se ne risentono le conseguenze in termini di carenza di merce e di qualità non sempre all'altezza. Ed è un peccato, perché l'arrivo dei turisti nella vicina riviera Adriatica offre occasioni con non sempre riusciamo a cogliere”. 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: