eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 1 luglio 2019


Sicilia, serricoltori nei guai per le «fumarole»

La Polizia Provinciale di Ragusa ha denunciato nove imprenditori agricoli alla Procura della Repubblica per inquinamento ambientale. Come ogni anno, al termine della stagione serricola invernale, si ripresenta nel nostro il fenomeno delle “fumarole” attuato da molti operatori agricoli che procedono all’incenerimento dei rifiuti agricoli dismessi dalle serre, con effetti devastanti sulla salute dell’uomo.

Il Nucleo Ambientale della Polizia Provinciale di Ragusa ha concentrato le proprie forze per contrastare e, quanto più possibile, per reprimere la pratica delle “fumarole” che, al momento, interessa soprattutto il versante ipparino della provincia. In tal senso, a seguito dei numerosi servizi, nove imprenditori agricoli sono stati denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Ragusa per smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali e violazione al Codice Ambientale di cui al D.L.vo n. 152/2006 e per immissione di fumi nocivi in atmosfera. I denunciati sono tutti agricoltori residenti a Vittoria, Comiso e Santa Croce Camerina con impianti serricoli nei Comuni di Acate (C.de Macconi e Mogli), Vittoria (C.de Dirillo e Resinè), Ragusa (C.da Randello) e S. Croce Camerina (c.de Pescazza, Pezza di Fico e Bosco Braccetto).

Altri diciassette titolari di aziende agricole, che avevano già dismesso gli impianti serricoli ed accatastato i rifiuti nei propri terreni, sono stati formalmente diffidati a non procedere alla eliminazione dei rifiuti per mezzo del fuoco ed a smaltirli tramite ditte autorizzate al trattamento di materiali pericolosi. L’attività di vigilanza sarà ulteriormente intensificata nei prossimi giorni e per tutto il periodo estivo con servizi in tutta la provincia, anche in orari notturni.

Fonte: Comisonews.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: