eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 23 aprile 2019


Pomodoro, cereali, pesce: un aiuto alla fertilità maschile

Il pomodoro è il principe della tavola, perché il licopene in esso contenuto (che si trova anche in anguria, ananas e papaya), migliora la motilità degli spermatozoi, oltre ad avere in altre quantità effetti positivi anche nel tumore della prostata. Ma ci sono altri cibi che possono venire in aiuto della fertilità maschile, come pesce, molluschi, cereali, vegetali, frutta, e latticini a basso contenuto di grassi. Cibi ricchi in vitamine (E, C, D e folati, di cui sono ricche le verdure a foglia verde).

Una dieta ricca di antiossidanti è il top, mentre il consiglio è limitare carni lavorate, patate, latticini grassi, latte intero, caffè, alcol e bevande zuccherate che hanno mostrato effetti negativi sulla qualità del liquido seminale. A evidenziarlo è il professor Salvatore Sansalone, specialista in andrologia e docente all'Università di Tor Vergata. L'esperto si concentra sul tema anche perché l'infertilità è un problema di salute pubblica globale che interessa in media il 15% delle coppie in età riproduttiva: fattori attribuibili al maschio sono responsabili di un 25-30% dei casi. Per tutti una dieta sana è uno di pilastri, insieme a periodiche visite di controllo. In coloro che hanno parametri seminali alterati è possibile prescrivere una vera e propria "terapia a base di supplementi antiossidanti" per sopperire a carenze dietetiche. Integratori a base di beta carotene, folati, zinco e vitamina C possono determinare un miglioramento.

"Carnitina, Coenzima Q10, vitamine del gruppo B ed L-arginina insieme alla vitamina C - spiega l'esperto - possono essere prescritti in persone con infertilità idiopatica, ossia coloro per i quali non esiste una causa conosciuta. Questo permette di mantenere i dannosi radicali liberi sotto controllo, migliorando la qualità del liquido seminale e l'integrità del Dna spermatico". La ricerca si è concentrata anche sugli acidi grassi omega 3 in considerazione del fatto che gli stessi spermatozoi contengono un'elevata proporzione di acidi grassi polinsaturi che giocano un ruolo cruciale nel concepimento.

Fonte: Ansa


Altri articoli che potrebbero interessarti: