eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Esselunga martedì 26 marzo 2019


Esselunga a Modena, fine dell'empasse

Si avvicina il momento del (sofferto) taglio del nastro di Esselunga a Modena. Alla fine della scorsa settimana è arrivato il via libera consiliare alla variante urbanistica per il nuovo supermercato che sorgerà nell’area dell’ex Consorzio Agrario. I lavori potrebbero iniziare prima della fine dell’anno, a patto che non sorgano problemi nell’iter: dopo la fase dedicata alle eventuali osservazioni, servirà l’approvazione definitiva della variante e, infine, un Piano particolareggiato di iniziativa privata contenente gli interventi che verranno sviluppati, a partire dalla possibilità di insediamento della struttura di vendita medio-grande dalla superficie massima di 2.500 metri quadri. 



L'area è da tempo al centro di un accordo di programma tra il Comune e il retailer lombardo: lo stallo seguito alla prima richiesta di costruire, durato in tutto quasi vent'anni, era stato raccontato nel libro "Falce e Carrello" di Bernardo Caprotti, pubblicato nel 2007.

Confermati - riporta la stampa locale - gli impegni della società per la costruzione di un parcheggio multipiano da almeno 180 posti, che verrà ceduto gratuitamente al Comune così come la cessione, in permuta, di un’area su via Canaletto dove sarà possibile realizzare interventi di edilizia residenziale sociale; Esselunga metterà inoltre a disposizione della collettività un milione e 800mila euro di contribuiti per interventi di riqualificazione nel quartiere e per la valorizzazione di un Centro di vicinato.



“Finalmente vediamo, forse, la conclusione di un percorso durato vent’anni e sempre osteggiato dall’amministrazione su un comparto dove Legacoop aveva acquistato un lotto piccolissimo pagandolo quanto Esselunga tutto il resto” ha affermato durante il dibattito in Consiglio comunale Adolfo Morandi, di Forza Italia. “Si apre una struttura medio-grande che forse danneggerà altre già presenti, ma d’altra parte la faccenda andava risolta e ora si è trovato un equilibrio”. 

Giuseppe Pellacani, della lista Energie per l’Italia, ha evidenziato come la delibera arrivi alla fine di un lungo percorso caratterizzato da vari inghippi “come quello che l’antitrust ha rilevato sul comportamento di Coop Estense finalizzato a creare barriere amministrative”. Il Comune, dunque, “invece che con la spillina dell’ottimo amministratore avrebbe dovuto presentarsi con il capo cosparso di cenere. Dopo 15 anni, in ogni caso, si è usciti dall’empasse”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: