eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 23 gennaio 2019


«Gli ortaggi restano in campo, forniture sospese»

Tempi duri per le aziende specializzate nella produzione e distribuzione di ortaggi. “E’ tutto bloccato, il clima degli ultimi due mesi ha messo sotto scacco le colture, il prodotto non vegeta e rimane, di conseguenza, in campo”, spiega Augusto Mei, socio e responsabile dell’area commerciale di Agrinovana, azienda marchigiana con terreni in Puglia - al confine con la Basilicata - nella Marche (Valdaso) e, nel periodo estivo, nella piana del Fucino.

“La situazione è critica - prosegue Mei - per le verdure in foglia si è verificato un mix di eventi sfavorevoli soprattutto nel Centro Sud, sotto il Rubicone: al repentino abbassamento delle temperature hanno fatto seguito la pioggia e quindi ancora il gelo, nel periodo tra l'altro di minor irradiazione solare. La terra bagnata si è raffreddata in maniera particolare: la conseguenza è che le piante non hanno spinta. Il prodotto soffre a livello di residuo secco, non fa in tempo a consolidarsi”. 


Augusto Mei

E in questi giorni è attesa un’ulteriore, intensa, ondata di freddo: Coldiretti, in una nota stampa, lancia l'alert per i raccolti di verdure e ortaggi “dopo le gravi perdite subite dall’inizio dell’anno che hanno ridotto le disponibilità sui mercati”. Il clima - sottolinea la confederazione - “sta riducendo l’offerta nazionale a le difficoltà riguardano anche il resto dell’Europa e del bacino del Mediterraneo, con conseguenti tensioni sui prezzi”.



Alla criticità attuale, dice Mei, si aggiunge il rischio che, al momento dell’innalzamento delle temperature, maturi tutto insieme, causando accavallamenti e sovrapproduzione: “La nostra azienda ha in produzione il doppio del cavolo nero degli anni scorsi, ma è tutto fermo - conclude l’esponente di Agrinovana - tanto che siamo stati costretti a sospendere i rapporti di fornitura con i maggiori clienti, comprese le catene distributive: la Gdo non ama l’incertezza. Stiamo perdendo fatturato in maniera importante e per ora non vediamo spiragli”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: