eventi
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
INTERPOMA CHINA
Shanghai
15-17 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019

leggi tutto

mercoledì 23 gennaio 2019


Pomodoro piccante, la nuova sfida dell'editing

Il pomodoro piccante, già ribattezzato "pomodoro all'arrabbiata" dai media, potrebbe entrare presto negli assortimenti dei reparti ortofrutta dei supermercati. Un team di ricercatori dell’Università Federale di Vicosa, in Brasile, sta infatti seguendo nuove tecniche di editing genetico per portarlo sulle nostre tavole il prima possibile.

Lo sviluppo di questo particolare prodotto è possibile in quanto il frutto del pomodoro, di per sè, contiene geni "dormienti" per la produzione di capsaicina, sostanza responsabile del sapore piccante tipico del peperoncino. I ricercatori brasiliani intendono quindi "risvegliarli" e "caricarli", intervenendo sul suo genoma.



"La sfida è determinare con precisione quali sono i geni su cui bisogna agire, e in che modo", ha spiegato Agustin Zsögön, coordinatore del team di ricerca nello studio "Capsaicinoids: Pungency beyond Capsicum", pubblicato sulla rivista scientifica Trends in Plant Science. "Al momento non abbiamo ancora abbastanza dati per comprendere appieno i pattern genetici nella pianta, quindi dobbiamo cercare approcci alternativi. Una possibilità è di attivare i geni uno per volta e vedere quali composti sono prodotti".

La sperimentazione sta catturando soprattutto l'attenzione delle case farmaceutiche e delle industrie di armi, le quali utilizzano la capsaicina per produrre anestetici e spray al peperoncino"Ingegnerizzare geneticamente il pomodoro - ha evidenziato Zsögön - per assicurare che contenga capsaicina renderebbe molto più facile ed economica la produzione di questa sostanza, con applicazioni molto interessanti". 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: