eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

martedì 13 marzo 2018


Limoni di Sorrento Igp, la produzione è salva

Anche nella Penisola Sorrentina e nell'isola di Capri, a fine febbraio, si è vista la neve. La maggior parte della produzione dei pregiati limoni di Sorrento Igp, per fortuna, è salva. Ma si teme il fatidico Burian bis, che potrebbe arrivare sull'Italia tra una settimana.

"All'interno dell'areale del Limone di Sorrento Igp - spiega Mariano Vinaccia, presidente del Consorzio di tutela e della cooperativa Solagri - si registrano un po' di danni solo nei limoneti delle zone collinari più alte ed esposte. Per fortuna, dopo la nevicata è spuntato il sole che, insieme al vento, ha favorito lo scioglimento della coltre bianca. Con l'aumento delle temperature, quindi, le foglie si sono asciugate in poche ore e non abbiamo subito gelate".

"Questa volta ci siamo salvati - sottolinea Vinaccia - Speriamo ora che non arrivi una nuova ondata di freddo nelle prossime settimane: potrebbe compromettere la produzione, dal momento che le nuove foglie delle piante stanno cominciando ad avere i fiorellini".

"La nostra produzione annua di limoni Igp è compresa tra 13 e 15mila quintali, di cui un 30-40% viene destinato ad aziende che producono limoncello. Per quanto riguarda il fresco, lavoriamo con Esselunga e Ortofin".

Vinaccia, nei giorni scorsi, ha ricevuto la visita nella sede di Solagri, a Sant'Agnello (Napoli), di una delegazione dell'Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia, costituita dal ministro plenipotenziario, Marcelo Fabian Gilardoni e dal segretario Cecilia Ines Castillo.



"Gilardoni - ha commentato Vinaccia - è rimasto molto colpito dalla strategia che portiamo avanti dal 2000, anno in cui il Limone di Sorrento è diventato il primo limone Igp d'Europa. Il nostro disciplinare è tuttora innovativo poiché coinvolge sia il comparto del fresco sia quello del trasformato. Anche i trasformatori, infatti, devono operare nell'area di produzione dell'Igp e utilizzare esclusivamente il prodotto certificato. In questo modo, tuteliamo a 360 gradi la filiera e difendiamo il nostro paesaggio agricolo".

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: