eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 12 luglio 2017


Dopo la Brexit chi raccoglierà le fragole per Wimbledon?

Quando la Brexit sarà realtà e il Regno Unito non farà più parte dell'Unione Europea, chi raccoglierà le fragole destinate a soddisfare i palati di tutte le persone che accorrono al torneo di Wimbledon?
A chiederselo è il proprietario dell'azienda agricola che rifornisce, da 25 anni a questa parte, il prestigioso evento tennistico, attualmente in corso in Inghilterra: si tratta di Marion Regan della Hugh Lowe Farms, azienda storica, fondata nel 1890 e situata nel Kent. L'impresa spedisce a Wimbledon ogni anno circa 28mila chilogrammi di fragole, frutti che sono per lo più raccolti da operai dell'Europa dell'Est, come ha recentemente spiegato l'imprenditore al quotidiano The Guardian.



I produttori britannici - viene spiegato nell'articolo - temono la perdita di lavoratori europei e questo potrebbe far salire i prezzi delle fragole. "La mia azienda, così come altre che producono mele, insalate e ortaggi, dipende in buona parta da manodopera dell'Est, operai stagionali fantastici che vengono qui a lavorare durante l'estate. Spero che anche dopo la Brexit ci sarà un meccanismo per permettere a questi giovani di venire a lavorare qui da noi".

Secondo la British Summer Fruits (Bsf) - l'organizzazione che rappresenta i fornitori della quasi totalità dei piccoli frutti ai supermercati inglesi - i prezzi delle fragole e dei lamponi potrebbero salire fino al 50% a seguito della Brexit. Stando al report della Bsf il 95% del personale addetto alla raccolta della frutta arriva dall'Ue.

Copyright 2017 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: