eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 19 maggio 2016


Boom degli ortaggi in serra, calano le superfici frutticole

Quali dinamiche stanno caratterizzando le superfici delle produzioni ortofrutticole più importanti per il nostro Paese? Se lo è chiesto Nomisma che, nel secondo Rapporto sulla competitività del settore ortofrutticolo nazionale, ha fotografato il quadro produttivo italiano.

Per quanto riguarda gli ortaggi in piena aria, la coltivazione più importante è il pomodoro da industria (83.746 ettari nel 2015) che mostra un'estensione doppia rispetto alla seconda cultura per importanza, il carciofo (41.299 ettari). A seguire pomodoro fresco (18.765 ha), lattuga (14.742 ha) e zucchine (13.923 ha).



“La dinamica quinquennale 2010-2015 per tali produzioni è stata tendenzialmente negativa – rileva il rapporto Nomisma-Unaproa – in particolare i carciofi e la lattuga cedono rispettivamente il 18 e il 15%”. Riduzione a doppia cifra anche per il pomodoro da industria (-11%), che però dal 2013 in avanti mostra un aumento.

Passando alla frutticoltura, invece, le prima produzione per estensione è quella della nocciola (68.599 ettari), seguita da mele (52.778 ha), pesche (47.462) e uva da tavola (44.199 ha). “Tra il 2010 e il 2015 la quasi totalità delle produzioni frutticole ha registrato un calo delle superfici investite – è l'analisi dei ricercatori – ad eccezione del kiwi. Tra le produzioni che mostrano evoluzioni positive ci sono anche le nocciole, mentre evidenziano un calo uva da tavola, nettarine e pere”.

La superficie agrumicola si estende per 141.872 ettari e tra il 2010 e il 2015 lo scenario non è stato positivo, con limoni e arance che sono diminuiti del 18 e del 15%. La flessione di clementine e mandarini è meno evidente.

Un vero e proprio boom, invece, per gli ortaggi in serra, che rappresentano un'estensione complessiva di 15.614 ettari. Fatta eccezione per la lattuga, per pomodori e zucchine nell'ultimo quinquennio c'è stata un'evoluzione positiva tra il 30 e il 40%.
“A trainare lo sviluppo degli ortaggi in serra – spiega Nomisma – contribuiscono le recenti dinamiche della domanda alimentare verso i prodotti orticoli freschi e, in particolare, la richiesta di produzioni ad elevato contenuto di servizio, come la IV gamma e i piatti precotti”.

Uno scenario negativo, invece, per legumi e patate (85.725 ettari complessivamente): negli ultimi cinque anni le superfici dedicate ai fagioli sono diminuite del 24%, del 20% le patate e del 14% la fava da granella.

Maicol Mercuriali
Italiafruit News
maicol@italiafruit.net

Copyright 2016 Italiafruit News


di Maicol Mercuriali

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: