eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 23 luglio 2014


Citrus Black Spot in una partita di agrumi sudafricani

L'Associazione sudafricana dei produttori di agrumi, CGA, ha riferito che l'Unione europea ha riscontrato la presenza della "Citrus Black Spot" (o macchia nera degli agrumi) in una partita di prodotto proveniente dal Sudafrica. "Quest'anno è la prima volta che gli ispettori europei hanno rilevato la "Citrus Black Spot" nei frutti sudafricani" ha commentato Justin Chadwick, amministratore delegato della CGA.

Chadwick ha evidenziato che le autorità olandesi per la salute delle piante hanno emesso la notifica di non conformità alla normativa fitosanitaria lo scorso 20 luglio, a seguito dell'intercettazione di una partita di agrumi infetta. "E' una notizia deludente - prosegue Chadwick – specialmente se consideriamo le misure adottate per garantire il rispetto degli standard richiesti dall'Unione europea" (vedi recente notizia Italiafruit con commento Salvo Laudani di Oranfrizer).

Con la notifica gli agrumi sudafricani sono stati inseriti nella lista di controllo Ue per tutelare degli scambi commerciali. Deon Joubert, inviato speciale della CGA per l'Ue, è partito immediatamente per l'Europa allo scopo di discutere della problematica con i rappresentanti dell'Unione europea.

Come ha spiegato Chadwick, l'azienda che ha effettuato la spedizione sarà ora visitata da esponenti del Dipartimento sudafricano dell'Agricoltura (DAFF) che, insieme ad un esperto della CGA, cercheranno di definire misure correttive per evitare il ripetersi della situazione. Ma l'ad dell'associazione di produttori non si scoraggia e guarda avanti: "L'intercettazione è una battuta d'arresto, ma è anche un'opportunità per migliorare i nostri processi di gestione del rischio, che continueremo ad attuare per garantire condizioni commerciali senza restrizioni per l'immediato futuro". Chadwick ricorda, tuttavia, che rimane "indispensabile" raggiungere una opinione scientifica comune in merito al rischio reale di diffusione della macchia nera degli agrumi nei Paesi produttori dell'Ue. 

Intanto, da domani (giovedì 24 luglio) partiranno i nuovi regolamenti comunitari relativi alla "Citrus Black Spot": sarà richiesto, in particolare, un certificato supplementare per l'importazione di agrumi sudafricani nell'Ue.

L'inviato speciale Deon Joubert ha recentemente confermato che l'industria sudafricana farà tutto il possibile per evitare di superare la soglia di 5 intercettazioni imposta dall'Ue. Ad ogni modo, per gli agrumicoltori del Sudafrica parte ora un periodo critico dato che la stagione dell'arancia Valencia è, storicamente, quella in cui si registrano più intercettazioni di partite infette da "Citrus Black Spot".

Copyright 2014 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: