eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 3 marzo 2014


VERSO UN PATTO ITALIA-SPAGNA PER PROMUOVERE LE FRAGOLE?

Lo scorso Giovedì 27 Febbraio a Palos de la Frontera (Huelva) presso la sede di Freson de Palos, principale produttore spagnolo di fragole, una delegazione della Aop Armonia ha incontrato i vertici di Freshuelva, dopo che lo scorso 18 Febbraio ad Agen (Francia)  - in occasione del Gruppo di Contatto Fragola tra gli operatori fragoliferi di Francia, Spagna e Italia - nessuna rappresentanza italiana aveva partecipato all'incontro (cfr Italiafruit del 20 Febbraio).
La Aop Armonia aveva già rappresentato l'Italia nel Gruppo di Contatto 2012 a Huelva e ricoperto un ruolo centrale anche nell'organizzazione del Gruppo di Contatto 2013 a Salerno. “Quest'anno però, non avendo ricevuto nessun incarico ufficiale dal Ministero – ha dichiarato Marco Eleuteri, Direttore Commerciale della Aop Armonia – abbiamo deciso di non partecipare al Gruppo non avendo alcun titolo per farlo”. 
Per questo motivo la Aop Armonia ha organizzato autonomamente un incontro con i vertici di Freshuelva, l'associazione che riunisce i produttori fragoliferi della provincia di Huelva, dove si concentra il 95% della produzione spagnola di fragole. "Una sorta di incontro riparatore", ha dichiarato a Italiafruit Marco Eleuteri, "per dimostrare ai nostri colleghi spagnoli che se chi fa politica in Italia è assente, chi fa impresa al contrario è presente e disponibile al confronto". 
Per la Spagna hanno partecipato all'incontro il Presidente di Freshuelva Alberto Garrocho Robles, il Direttore di Freshuelva Rafael Domínguez e il Presidente di Freson de Palos, maggior produttore di fragole di Spagna, Manuel Jesús Oliva Garcia. Per la Aop Armonia hanno partecipato il Direttore Commerciale Marco Eleuteri ed il maggior produttore di fragole del gruppo italiano, Guglielmo Volpe. Tra i temi trattati, oltre ad estendere anche all'Italia l'accordo già raggiunto con i produttori francesi in relazione all'armonizzazione dei prodotti fitosanitari, degna di nota è stata la proposta spagnola di condividere con gli operatori fragoliferi italiani un progetto promozionale comune molto ambizioso che non ha precedenti nella storia della cooperazione fragolifera internazionale, un progetto che sarà presentato quest'anno in sede comunitaria e che dovrebbe avere ad oggetto la promozione del consumo di fragole prodotte nel bacino del Mediterraneo nei maggiori mercati del centro nord Europa. A coordinare il progetto in Italia per la Aop Armonia sarà Pietro Caggiano, vice-Presidente della Aop Armonia e Consigliere dell'unione nazionale Unaproa. 

UN CONFRONTO FRA I COSTI DI PRODUZIONE DEI SINGOLI PAESI
Molto interessante il confronto sollecitato da Guglielmo Volpe sui costi di produzione dei singoli Paesi, confronto da cui è emerso un costo di produzione nettamente inferiore per i produttori spagnoli. Dai dati resi noti dal Presidente di Freson de Palos, Manuel Jesús Oliva Garcia, in base ad uno studio condotto dalla stessa cooperativa da lui presieduta, il costo di produzione di un chilo di fragole confezionato fluttua da 0,94 a 0,97 al chilo partenza magazzino. Altri dati particolarmente interessanti secondo lo stesso Presidente sono la produttività media per ettaro, prossima ai 700 quintali, e la produttività in fase di raccolta, prossima ai 150 chili al giorno per persona, rese sensibilmente maggiori a quelle ottenibili in Italia.

"E' chiaro", ha commentato Eleuteri, "che il fatto di iniziare la raccolta in anticipo per una pianta rifiorente come la fragola significa una fase produttiva più lunga e quindi maggior produzione finale per pianta, in questo senso va la scelta varietale che predilige proprio la precocità piuttosto che altre caratteristiche del frutto. Sottolineerei poi il fatto che buona parte della produzione spagnola viene venduta al di fuori del paese di origine, diretta per lo più verso destinazioni distanti in molti casi oltre 2000 chilometri dalla zona di origine: questo implica che lo stato di maturazione a cui vengono raccolte le fragole spesso non sia quello ottimale da un punto di vista gustativo,  proprio per non correre il rischio di eccessiva maturazione della frutta a destino, e con una raccolta che può per questo essere fatta più velocemente. Insomma, tutte queste informazioni e considerazioni suggerirebbero ad un produttore italiano di puntare su un prodotto qualitativamente elevato destinato a mercati esigenti in grado di apprezzarne e pagarne il maggior valore. Se dal lato dei costi possiamo fare ben poco, non ci resta che puntare sui maggiori ricavi, e per far questo la nostra qualità deve essere superiore", conclude Eleuteri.

I NUMERI DELLA FRESON DE PALOS
Prima dell'incontro, Manuel Jesús Oliva Garcia ha mostrato il magazzino di confezionamento della Freson de Palos alla delegazione italiana, fornendo un po' tutti i numeri della cooperativa: oltre 1000 ettari per circa 70.000 tonnellate di produzione, con picchi di entrata di frutta che possono raggiungere le 1000 tonnellate al giorno. Per quanto riguarda le varietà coltivate dal gigante spagnolo, il 40% è rappresentato dalla varietà Primoris, il 40% da Sabrina e il restante 20% da altre varietà, tra cui la più importante è la Antilla. Interessante anche il dato sull'investimento previsto per la comunicazione, a cui Freson de Palos riconosce una importanza strategica primaria, in crescita ogni anno, con una previsione di oltre 500.000 euro investiti nel 2014.



Nella foto, da sinistra: il Presidente di Freson de Palos, Guglielmo Volpe e il Presidente di Freshuelva durante la visita al magazzino di confezionamento di Freson de Palos

LA CONCENTRAZIONE SPAGNOLA VS LA PARCELLIZZAZIONE ITALIANA
Molto interessante infine il dato relativo all'aggregazione fornito dal Gerente di Freshuelva, Rafael Domínguez, secondo cui i primi 4 gruppi di produzione spagnoli - Freson de Palos, Cuna de Platero, Onuba Fruits e Grufesa - rappresenterebbero il 65% della produzione fragolifera spagnola, un potere contrattuale imponente ed un monito alla forte parcellizzazione del settore fragolifero in Italia, troppo debole e diviso per affrontare le sfide del presente, decisamente inadeguato e sottodimensionato  per affrontare quelle del futuro. (c.d.)

Nella foto di apertura, da sinistra:
Manuel Jesus Oliva Garcia - Presidente Freson de Palos; Guglielmo Volpe - maggior produttore di fragole della Aop Armonia; Marco Eleuteri - Direttore Commerciale Aop Armonia; Alberto Garrocho Robles - Presidente Freshuelva; Rafael Dominguez - Gerente Freshuelva.

Copyright Italiafruit News


Altri articoli che potrebbero interessarti: