eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 11 novembre 2013


ROVIGO, COLDIRETTI: IL RADICCHIO ROSSO DI ROSOLINA VENDUTO A PREZZI TROPPO BASSI

“Al Mercato di Rosolina, le aste per il radicchio rosso tondo pre-lavorato vengono battute mediamente a 5 cent/kg lordi. Togliamo il 12% di commissione di mercato ed i costi di facchinaggio, per un totale di un po’ più di un centesimo al chilo. In tasca al produttore restano meno di 4 centesimi al chilo. Le spese di produzione medie (lavorazione terreno, piantine, raccolta, trasporto) sono di circa 25 cent al chilo. La perdita è di 21 centesimi”. La denuncia è del presidente di Coldiretti Rosolina, Damiano Zuriati, insieme ai produttori di radicchio del comprensorio.
“Mentre i coltivatori rosolinesi sono schiacciati al ribasso, retribuiti con prezzi vergognosi, i consumatori pagano caro un prodotto che solo apparentemente non costa niente” avverte il presidente di Coldiretti Rovigo, Mauro Giuriolo. Da una rilevazione Coldiretti dell’8 novembre scorso, girando per il centro storico del capoluogo polesano, appare che il radicchio tondo rosso viene venduto con un’amplissima forbice di prezzo, dagli 0,99 euro/kg per un prodotto sfuso in “offerta speciale”, ad un massimo di 2,50 euro/kg per lo sfuso di prima qualità su polistirolo.
Intanto, ogni volta che un produttore al mattino consegna al mercato di Rosolina 10 quintali di radicchio tondo rosso, perde 21 euro al quintale. Ma si continua a raccogliere e si continua a battere l’asta. “Il prezzo dell’asta di Rosolina è un vero scandalo – esclama il presidente Mauro Giuriolo -. E’ evidente che con una larga forbice di prezzo alla produzione ed al consumo, come quella rilevata sul radicchio tondo rosso, c’è spazio per speculazioni e furbizie”.
“Bisogna rimodulare i rapporti fra le varie componenti della filiera – avverte il direttore di Coldiretti Silvio Parizzi - affinché tutti ricevano il giusto compenso, soprattutto i produttori, con soddisfazione anche dei consumatori che finirebbero per risparmiare”.

Fonte: AgenParl


Altri articoli che potrebbero interessarti: